Click per tornare alla home page
Seguici su facebook
I nostri video su YouTube.com
Ricerca Agriturismo
Luogo
Ricerca libera
/agriclub/StrutturaSito/ico_disabili.png
/agriclub/StrutturaSito/ico_animali.png
/agriclub/StrutturaSito/ico_ristorante.png
Ricerca avanzata >
Seleziona gli agriturismi della Toscana
Seleziona gli agriturismi dell'Abruzzo
Seleziona gli agriturismi della Sicilia
Seleziona gli agriturismi del Lazio
Seleziona gli agriturismi della Sardegna
Seleziona gli agriturismi del Piemonte
Seleziona gli agriturismi della Lombardia
Seleziona gli agriturismi della Valle d'Aosta
Seleziona gli agriturismi del Trentino Alto Adige
Seleziona gli agriturismi del Friuli Venezia Giulia
Seleziona gli agriturismi del Veneto
Seleziona gli agriturismi dell'Emilia Romagna
Seleziona gli agriturismi della Liguria
Seleziona gli agriturismi delle Marche
Seleziona gli agriturismi dell'Umbria
Seleziona gli agriturismi del Molise
Seleziona gli agriturismi della Puglia
Seleziona gli agriturismi della Basilicata
Seleziona gli agriturismi della Campania
Seleziona gli agriturismi della Calabria
Malloreddus / Sardegna / Nuoro
Malloreddus
I malloreddus, definiti anche gnocchetti sardi, sono senz'altro la più classica delle paste sarde. Hanno la forma di conchiglie rigate lunghe da circa 2 cm in su, e son fatti di farina di semola e acqua. Si mangiano con varie salse.
Nel Sassarese sono chiamati cigiones o ciciones, nel Logudoro macarones caidos o macarones de punzu, nel Nuorese cravaos.
Da sempre i malloreddus sono stati il piatto tradizionale più preparato in Sardegna in tutte le occasioni più importanti, sia nelle feste e nelle sagre paesane, sia durante i matrimoni.
Fin dall'antichità le massaie hanno preparato questo tipo di pasta. L'origine è da ricercarsi nello schema millenario della coltivazione-alimentazione contadina nell'area mediterranea, basata prevalentemente sulla coltura del grano.
Il termine malloreddu (plurale malloreddus) è un diminutivo di malloru, che in sardo campidanese (Sardegna meridionale e centro-meridionale) significa toro. Di conseguenza, malloreddus vuol dire vitellini.
L'origine di tale denominazione è da ricercarsi nel modo di esprimersi in ambito contadino. La lavorazione manuale dei malloreddus in ambito domestico avveniva impastando la semola di grano duro con l'acqua, e si creavano delle listarelle arrotolate di pasta della lunghezza di circa 15 cm, le quali venivano tagliate a cubetti. Dopodiché si otteneva la forma schiacciando i cubetti di pasta contro l'estremità di un cesto in paglia, detto su ciuliri (il setaccio) per ottenerli rigati, oppure per averli lisci bastava schiacciarli semplicemente contro una base in legno. Se ne ricavava un prodotto panciuto che nell'immaginario del mondo agropastorale assumeva la forma di piccoli vitelli (si pensi a espressioni quali bello grasso come un vitellino).
Eventi Consigliati
Itinerari Consigliati
Iscriviti ad Agriclub